mercoledì 15 aprile 2015

Non dare mai nulla per scontato



…nemmeno in amore


Delusione, disegno di Flavio Lappo    


Durante uno dei miei incontri una donna mi ha fatto notare che non si può amare un’altra persona se non si ama se stesse o se stessi. Giusta osservazione, mi sembrava scontato. Mai dare nulla per scontato! Neanche in amore. Al di là di questo preciso argomento propostomi, dare per scontato è un’abitudine malsana che ci conduce alla sottovalutazione di circostanze che andrebbero invece tenute presente, soprattutto in amore visto che in questo blog si parla di amore erotico. Cosa accade nella nostra mente quando diamo per scontato qualcosa? Direi che ci mettiamo nella condizione di chi crede, suppone, che l’altro comprenda ogni nostro pensiero per cui non gli dico qualcosa che andrebbe detta perché mi sembra inutile. E così il non detto diventa una montagna di silenzi che ognuno tende ad interpretare a proprio uso e consumo. Non gli dico che lo amo perché è logico che lo sia. Non le dico che è bella perché se l’ho sposata vuol dire che mi piaceva…e così via. Per giungere a fatti molto più venali come il denaro. Perché dovrei occuparmi di quanti soldi ha in banca, tanto è mio marito. E poi scoprire che ti vuole lasciare dopo che ha fatto sparire tutto! Caso forse un po’ estremo, ma che ben mette in luce il valore negativo del dare per scontato.

Maria Giovanna Farina www.mariagiovannafarina.it

© Riproduzione riservata

mercoledì 8 aprile 2015

Ti amo: il vero significato delle parole

Il post più letto in assoluto

pubblicato nel 2014 

Quando non ti dice "Ti amo"...



Ti amo due parole semplici, immediate, ma ricche di significato concentrato in poche sillabe. Ho ricevuto più volte l'invito dai lettori del blog a riflettere su questo argomento ed ho ascoltato molte donne, e qualche uomo, lamentarsi della mancanza di questa dichiarazione d'amore. Tutti noi desideriamo essere amati e desideriamo che ci venga dichiarato da chi amiamo. La mancanza di queste parole a volte ce la trasciniamo dall'infanzia: chi non ha mai udito il proprio padre o la propria madre pronunciarle avverte il vuoto, si sente deprivato di un diritto. Sì, perché essere amati dai nostri genitori è un diritto che ci deve essere garantito. Diverso è il rapporto col partner. Se va da sé che desideriamo essere amati in forma grande ed esclusiva, d'altro canto lui, o lei, non ha nessun obbligo di amarci. È libero o libera di farlo. E qui entriamo nel vivo del rapporto d'amore: è fondamentale sentirsi liberi, solo così si può avvertire se il nostro o quello dell'altro è davvero amore con la a maiuscola. Le parole Ti amo hanno ispirato poeti e musicisti donandoci uno sterminato patrimonio di parole e note, ma sono diventate col trascorrere del tempo uno stereotipo perdendo il loro significato originale. Quando pretendiamo da chi ci ama di dichiarare il suo amore con queste due paroline, stiamo pretendendo qualcosa che sa di obbligo più che di libertà di espressione. Quindi se da un lato è naturale desiderare la fatidica frase, dall'altro è bene valutare, analizzare, scrutare chi ci vive accanto per cogliere dai suoi gesti, dalle sue espressioni, dal suo comportamento l'amore che prova per noi. Così quando ci dirà Ti amo sarà una dichiarazione vera e scaturita dal cuore, e non due consumate parole che deve dirci per non sentire lamentele.

Maria Giovanna Farina www.mariagiovannafarina.it

© Riproduzione riservata